Sabato 16 Dicembre 2017
Torna alla Home Page Stampa la pagina Contatta il Comune Accedi all'area riservata Accedi alle statistiche di accesso al sito Dimensione caratteri standard Dimensione caratteri A++   
Torna alla Home Page
Pubblicazioni Servizi di egovernment attivi Servizi di egovernment di futura attivazione Elenco Siti tematici Privacy Ufficio Relazioni con il Pubblico
Sei qui : Grotta di Rio Martino

 

GROTTA DI RIO MARTINO

La grotta di Rio Martino è una delle grotte più importanti del Piemonte. Nel 2009 il Comune di Crissolo (con il contributo della Regione Piemonte) ha iniziato un’opera di messa in sicurezza del “Ramo Inferiore” con passerelle che facilitano la visita anche agli utenti meno esperti.


   

Archivio Comunità Montana (Foto Stefano Beccio) Archivio Comunità Montana (Foto Stefano Beccio) Archivio Comunità Montana (Foto Stefano Beccio) Archivio Comunità Montana (Foto Stefano Beccio)

 Archivio Comunità Montana (Foto Stefano Beccio)


La grotta sorge a 1.530 s.l.m.  sulle pendici della Rocca Grane ed è  immersa nell’area SIC (sito di interesse comunitario) del versante destro del fiume Po. Il ramo inferiore è lungo 530 metri alla fine del quale si potrà notare la cascata del Pissai alta più di 40 metri. Al di sopra del sala del Pissai, “stanza” in cui si trova la cascata, si trova il “ramo superiore” (non raggiungibile se non con adeguata attrezzatura e capacità); sicuramente più importante sotto l’aspetto idrologico. Con i suoi 300 metri di sviluppo il ramo superiore è contornato da sale,  pozzi e gallerie collegate tra di loro di difficile passaggio se non per utenti più che esperti.


Già nel ramo inferiore, notevoli sono le presenze di formazioni stalattitiche e stalagmitiche che si possono notare durante la visita: la loro origine è stata la deposizione del sale “carbonato di calcio” dovuta all’azione erosiva delle acque. La grotta è stata scavata dall'impetuosa volontà di scendere verso il basso delle acque dei torrenti subglaciali raccolte sotto i seracchi e in fondo ai crepacci del grande ghiacciaio che ha formato la Valle del Po.


   

Interno della grotta (Foto Fabrizio Bessone) Interno della grotta (Foto Fabrizio Bessone)  Interno della grotta (Foto Fabrizio Bessone) Interno della grotta (Foto Fabrizio Bessone)

Foto di Fabrizio Bessone


La Grotta di Rio Martino possiede inoltre un importante valore ecologico ospitando una rara fauna che utilizza la grotta per svernare. Al suo interno sono state segnalate 7 diverse specie di chirotteri (pipistrelli) protette. La specie più numerosa è il Barbastella barbastellus (con la presenza di 272 esemplari risulta essere più grande sito della specie noto in Italia), il Rhinolophus hipposideros, Myotis blythii e Myotis myotis, Myotis emarginatus, Myotis cfr. Daubentonii, Eptesicus serotinus e Plecotus sp.. Sono presenti inoltre alcuni invertebrati: il diplopode Crossosoma semipes, l’opilionide Ischyropsalis cfr. alpinula e un abbondante colonia di crostacei della specie Proasellus cavaticus.
La grotta è visitabile solamente nei mesi estivi (da aprile a ottobre) mentre ne è vietato l’accesso dal 1 novembre al 31 marzo, in quanto si tratta del periodo di svernamento dei pipistrelli per i quali il disturbo della presenza umana potrebbe provocarne il risveglio anticipato dal letargo ed essergli addirittura fatale. (Prescrizione Regionale – Settore Pianificazione Aree Protette – Prot. 1177 del 03/06/2008 Comune di Crissolo).


Per la visita è richiesto un abbigliamento adeguato in quanto la temperatura all’interno è di circa 5 °C e l’umidità si aggira al 100%; il tempo necessario per percorrere il ramo inferiore della grotta, sino alla Cascata del Pissai, è di circa due ore.

 

© 2013 Comune di CRISSOLO - Tutti i diritti riservati - I contenuti del sito sono di proprietà del Comune.   W3C Validator   Area riservata   Statistiche di accesso al sito   Il sito fa parte della Rete di Città in Comune   Web developer: Leonardo Web S.r.l.
Utilizzando questo sito accetti l’uso di cookie al solo fine di monitorare le attività del visitatore e poter migliorare i contenuti e l'accessibilità del sito stesso
Approfondisci Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento